Classe Archeologia e Cultura
Associazione Culturale

Home

Classe e il territorio

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

Pubblicazioni

Mostre Tematiche

Gallery

Contatti

Convegno industria saccarifera

Convegno sull’industria saccarifera italiana dal 1872 all’epoca attuale

L’Associazione “Classe Archeologia e Cultura” ha promosso e organizzato in collaborazione con l’Accademia Nazionale di Agricoltura di Bologna, il Convegno L’industria  saccarifera  italiana dal 1872 all’epoca attuale. L’intento era di dare continuità al percorso avviato con larealizzazione della mostra Dulcis in fundo, allestita a Classe nel mese di luglio durante la tradizionale Sagra di S. Apollinare.
 
Il Convegno si è tenuto sabato 26 novembre 2011 presso la sala Sergio Bandini della Cassa di Risparmio di Ravenna, che con la Fondazione Cassa di Risparmio ha sostenuto e sponsorizzato l’iniziativa. La presenza di relatori di assoluto prestigio, ha conferito al Convegno particolare rilievo a livello nazionale; le tematiche sottoposte all’analisi degli studiosi riguardavano la nascita e lo sviluppo della bieticoltura nazionale, la situazione attuale e le prospettive future legate alle politiche economiche europee e alla globalizzazione.

I lavori sono stati aperti dal Dott. Massimo Cameliani, Assessore alle attività produttive del Comune di Ravenna, che ha brevemente analizzato la situazione agricola locale. Particolarmente gradita la presenza del Dott. Antonio Patuelli, Presidente della Cassa di Risparmio, che pur  limitandosi ad un breve intervento di saluto, ha espresso l’auspicio che la bieticoltura possa recuperare quel ruolo fondamentale che per tanti anni ha avuto nell’agricoltura nazionale. Nel merito specifico delle tematiche riguardanti la bieticoltura e l’industria saccarifera sono poi intervenuti tecnici di grande rilievo: Dott. Mario Bimbatti, Direttore agricolo della Società Eridania-Sadam; Ing. Sandro Canossa, ex direttore di produzione della Società Eridania Z. N.; Dott. Sergio Bertuzzi, presidente ANTZA; Dott. Riccardo Casoni direttore industriale della COPROB; Prof. Gian Pietro Venturi della Facoltà di Agraria dell’Università di Bologna; Dott. Giovanni Tamburini, presidente di Unionzuccheri e della Bonifica Renana; Dott. Prof. Giorgio Amadei, presidente dell’Accademia Nazionale di Agricoltura.

Durante il Convegno, ha suscitato particolare interesse la mostra “L’industria saccarifera italiana compie 200 anni”, una ricca raccolta di documenti e oggetti riguardanti l’industria saccarifera, appartenenti alla collezione di Alessandro Lazzari.

Un sentito ringraziamento per l’organizzazione va a Claudio Cornazzani, a Giorgio Sarti vice presidente della Cassa di Risparmio di Ravenna, al prof. Giorgio Amadei e ai volontari dell’Associazione che hanno collaborato fattivamente. A corredo dell’iniziativa, l’Associazione “Classe Archeologia e Cultura” ha realizzato un folder, una cartolina postale con le immagini di 13 zuccherifici operativi nel 1899 e un annullo speciale di Poste Italiane. Inoltre, sempre a cura dell’Associazione, è stato riproposto l’allestimento della mostra storico-fotografica  Dulcis in fundo, “Classe e le sue radici, Storia di un’avventura industriale tra ‘800 e ‘900”, realizzata con il contributo del Comitato Cittadino di Classe e già presentata con successo in occasione della Sagra paesana.







HomeClasse e il territorio2011201220132014201520162017PubblicazioniMostre TematicheGalleryContatti